Marzo 2020

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Marzo 2020
 
www.centroconsumatori.tn.it/794d1820.html
 

Navigazione secondaria

News
 

Contenuto

Newsletter
Abbonatevi gratuitamente al Pronto Consumatore in versione di newsletter per essere sempre aggiornati sulla tutela del consumatore.

 
 

 

NEWSLETTER CRTCU – MARZO 2020

ASSICURAZIONI

Novità per la rc auto familiare: miglior classe di bonus-malus per tutti i veicoli in famiglia

Al contrario di quanto prospettato fino all’ultimo, non è slittata l'entrata in vigore della nuova “rc auto familiare”. Dal 16 febbraio 2020 è quindi possibile assicurare ogni veicolo della famiglia con la migliore classe di bonus-malus del mezzo intestato ad uno dei familiari (fa fede lo stesso “stato di famiglia”), anche se già assicurato ed anche se si tratta di altro tipo di veicolo (es. motocicletta....), a patto che non vi siano stati, nei cinque anni precedenti, sinistri con colpa esclusiva, principale o paritaria.
La nuova norma ha modificato quelle relative del cd. “decreto Bersani”, le quali avevano previsto che una seconda autovettura della famiglia poteva essere assicurata con la migliore classe della prima autovettura; all’acquisto di una nuova autovettura, questa poteva essere assicurata con la classe migliore. Il tutto però poteva essere applicato soltanto per la prima stipula di un contratto di rc auto per l'auto in questione, e non era applicabile a tipi diversi di veicoli.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
https://www.centroconsumatori.tn.it/147d1822.html
Fonte normativa: D.lgs 209/2005, art. 134, comma 4-bis


TASSE

Detrazione di spese mediche nel 730 o nella “precompilata”
Il CRTCU: attenzione al metodo di pagamento! Chi paga in contanti rischia di perdere il diritto alla detrazione

Chi volesse portare in detrazione le spese mediche dalle imposte sul reddito anche nel 2020, deve fare attenzione al metodo di pagamento. Infatti dal 1° gennaio 2020 sono in vigore nuove regole riguardo le modalità di pagamento delle stesse spese, al fine di ottenere la relativa detrazione del 19 per cento dall'Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche). Le novità riguardano le spese sostenute a partire dal corrente anno di imposta e quindi riguarderanno la dichiarazione dei redditi del prossimo anno (2021).
Come noto, i contribuenti hanno il diritto di portare in detrazione il 19% delle spese mediche sostenute nell'anno di imposta di riferimento, in occasione della presentazione della dichiarazione annuale dei redditi. Anche per l'anno in corso vale una franchigia di 129,11 euro, somma oltre la quale si può chiedere la detrazione.
Le novità in breve:
Da quest'anno ci sono dunque delle restrizioni sulle modalità con cui pagare le spese. La legge di bilancio 2020 (legge 160/2019) ha di fatto previsto che:
1. il contante potrà essere ancora utilizzato per i medicinali, i dispositivi medici e le prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche o private accreditate al Servizio sanitario nazionale;
2. per tutte le altre spese mediche che si vorranno portare in detrazione sarà invece obbligatorio pagare con mezzi tracciabili, cioè con bancomat, carte di credito, carte prepagate, bonifici, assegni oppure altre modalità tracciabili, pena l'impossibilità della detrazione.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
https://www.centroconsumatori.tn.it/147d1823.html

COMMERCIO&CONSUMO

Truffatori a caccia di dati tramite sms ed e-mail. Da conti e carte spariscono importi a 4 zeri

Lo spazio digitale offre infinite possibilità, ma infinite paiono essere anche le attività criminali che si stanno sviluppando. Il tutto può prendere il via con un SMS all’apparenza innocuo: il prestatore di servizi finanziari (o quello che appare tale) comunica che vi sono dei “problemi” con la carta, il conto, l’account, e invita ad eseguire un login ad un link dato, per ovviare al problema. La pagina che si apre appare del tutto autentica, e si serve anche di una connessione sicura attraverso “https” – ma se si controlla con estrema attenzione, si può notare che l’indirizzo non è quello usuale (del vero intermediario cioè). Ma chi di noi se ne accorgerebbe, soprattutto quando si ha fretta di eseguire il login richiesto, visto che ci è stato segnalato un problema urgente da risolvere con la nostra carta oppure con il nostro conto corrente?
A quel punto però, il danno potrebbe essersi purtroppo già concretizzato e i nostri dati di accesso “pescati”: i truffatori hanno così accesso alla carta o al conto. Con l’entrata in vigore della nuova direttiva sui servizi di pagamento (la PSD2), che ha imposto la cd. autenticazione “forte” del login (almeno di doppio livello), questi problemi si pensavano superati, ma non è così e al CRTCU si registra invece un aumento dei casi di truffa o di tentata truffa, e non una loro diminuzione (vedasi anche gli ultimi comunicati al riguardo).

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
https://www.kaspersky.it/blog/phishing-ten-tips/6913
https://www.centroconsumatori.tn.it/147d1824.html


ALIMENTAZIONE

Quanto buono è il succo di frutta ottenuto da concentrato?

Quando una confezione riporta la dicitura “succo di frutta”, significa che non sono stati aggiunti né acqua né zucchero e che il contenuto di frutta è pari al 100%. A seconda di come il succo è stato prodotto, si tratta di succo diretto o di succo da concentrato di frutta. Il succo diretto viene pressato, filtrato, pastorizzato e imbottigliato nel paese di produzione. Questo tipo di succo può (ma non deve) essere contrassegnato come succo diretto. Nel caso di succo di frutta da concentrato, invece, al succo appena pressato vengono tolti acqua e aroma in condizioni di sottovuoto. “In questo modo, il volume si riduce a circa un sesto di quello del succo iniziale”, spiega la nutrizionista del CRTCU presso il Centro Tutela Consumatori Utenti.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
https://www.centroconsumatori.tn.it/146d1821.html

LA TUTELA DEI CONSUMATORI ARRIVA IN PAESE

Il nostro ufficio mobile a marzo

L’attività del nostro sportello mobile dei consumatori, nelle località del Trentino!
Per le date e i luoghi potete consultare la pagina web.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
https://www.centroconsumatori.tn.it/139d1789.html
 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it