Clonazione di carte di credito

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Clonazione di carte di credito
 
www.centroconsumatori.tn.it/148d261.html
 

Navigazione secondaria

Servizi finanziari
 

Contenuto

Clonazione di carte di credito: a chi richiedere il risarcimento?

Il fenomeno della clonazione

Il fenomeno della clonazione delle carte di credito e dei bancomat é un fenomeno che si sta sempre piú espandendo e che finisce spesso per procurare ingenti danni ai diretti interessati.

Come avviene la clonazione?
La clonazione avviene attraverso la duplicazione della carta (di credito o bancomat) ad opera di chi intende farne un uso illecito, dopo averne letto i dati in esse racchiusi, tra i quali il Pin.
Il metodo attualmente più in voga è quello dell'utilizzo, presso lo sportello ATM (quello per i prelivi automatici), di un lettore dei dati magnetici della carta posizionato sopra a quello dove viene infilata normalmente la carta, oltre ad una microtelecamera, utilizzata per carpire il codice segreto digitato allo sportello dal titolare della carta.
In alcuni casi al posto della microtelecamera viene utilizzata anche una seconda tastiera, posizionata sopra quella dello sportello e dotata di sistema di decriptazione del codice digitato.
Grazie a questi sistemi ingegnosi, la clonazione è un fenomeno particolarmente insidioso in quanto il titolare puó accorgersi dell´avvenuto uso illecito della carta anche con notevole ritardo.

I nostri consigli:
- guardarsi sempre attorno con molta attenzione quando si fanno operazioni di prelievo presso sportelli di prelievo automatico;
- fare attenzione a qualsiasi anomalia che si dovesse riscontrare negli spazi dello sportello e nei sistemi elettronici utilizzati (tastiera, spazio in cui si infila la tessera magnetica);
- effettuare controlli frequenti, se non quotidiani, della lista movimenti inerenti il proprio conto corrente, per verificare anomali prelievi o addebiti.
- attenzione: le carte bancomat più apprezzate dai malfattori sono quelle in cui è previsto anche il prelievo e pagamento "internazionale", che sono la maggioranza di quelle in circolazione.


Cosa fare in caso di clonazione?
In caso di clonazione del bancomat il titolare deve provvedere immediatamente al suo blocco e alla relativa denuncia attraverso la procedura indicata nel nostro sito http://www.centroconsumatori.tn.it/148d252.html

Risarcimento dei danni subiti


Per il risarcimento dei danni subiti a seguito della clonazione della carta il correntista puó rivalersi sulla banca emittente, la quale, in quanto depositaria a titolo oneroso, è da ritenersi obbligata al risarcimento.
Il rischio di illeciti prelievi e/o pagamenti incombe pertanto sull´istituto di credito che fornisce il servizio bancomat e/o la carta di credito.
Non dovrebbero sussistere particolari problemi per il risarcimento nel caso in cui la banca disponga di una copertura assicurativa; in caso contrario e di fronte al rifiuto della banca stessa a risarcire il danno patito, si consiglia di insistere, al limite anche attraverso l´intervento di un legale, affinché il danno venga risarcito.
Presupposto indispensabile per ottenere il risarcimento del danno è la dimostrazione, ad opera dell´utilizzatore, di avere tenuto la dovuta diligenza nell´uso o nella conservazione della carta (esempio: la carta puó essere utilizzata esclusivamente dal suo titolare o da chi ne sia stato debitamente autorizzato)
Per provare la propria diligenza il correntista puó al limite fare richiesta di acquisizione delle immagini a circuito chiuso filmate dalle telecamere esistenti ormai in ogni postazione bancomat.

Plafond di utilizzo di una carta bancomat

Per i titolari di una carta bancomat è importante conoscere e verificare il limite massimo giornaliero e mensile per i prelievi e i pagamenti Pos, fissati dagli istituti di credito.
Il limite standard giornaliero, previsto per i prelievi a mezzo bancomat, è generalmente pari a € 250,00, mentre quello mensile oscilla tra € 1.000,00 ed € 1.500,00.
Alcune banche accordano anche la possibilitá di aumentare convenzionalmente il plafond stabilito, in base alle esigenze del cliente e alla sua disponibilitá di conto.
Per ció che attiene ai pagamenti Pos i limiti di utilizzo giornaliero e mensile sono pari in genere a € 1.500,00; anche tale limite puó essere aumentato dietro richiesta del correntista.
Mensilmente si possono pertanto effettuare prelevamenti bancomat e pagamenti Pos per un totale anche di € 2.500,00 - 3.000,00.

Esiste peró un´altra tipologia di carta che unisce le caratteristiche proprie del bancomat a quelle della carta di credito; in questo caso i limiti di prelievo possono essere molto superiori rispetto a quelli standard previsti per la sola carta bancomat. E´chiaro che il rischio di eventuali danni nel caso di furto, clonazione o comunque uso illecito di questa carta aumenta notevolmente.

Solo alcuni istituti di credito dispongono del servizio di blocco automatico del bancomat nel caso in cui il cliente abbia superato i limiti standard assegnatigli o quelli convenzionati.
Questo servizio é molto importante per scongiurare la possibilitá di superare “inconsciamente” il plafond giornaliero o mensile previsto, con eventuale esaurimento della propria disponibilitá sul conto corrente e conseguente obbligo, per il correntista, di corresponsione di salati interessi passivi.

Ai titolari di bancomat emessi da banche che non forniscono un servizio di tal genere si consiglia di non tenere troppo denaro sul conto corrente e comunque di controllare periodicamente i prelievi presso gli sportelli automatici o i pagamenti Pos eseguiti.

Il nostro servizio

Vi ricordiamo comunque che il CRTCU è a Vs. disposizione per ulteriori informazioni in merito ed in particolare per quel che riguarda le modalitá di redazione della richiesta di risarcimento del danno patito a seguito di clonazione del proprio bancomat.

Foglio info SF04
Situazione al 11.04.2017
 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it