Aprile 2015

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Aprile 2015
 
www.centroconsumatori.tn.it/794d1221.html
 

Navigazione secondaria

News
 

Contenuto

Newsletter
Abbonatevi gratuitamente al Pronto Consumatore in versione di newsletter per essere sempre aggiornati sulla tutela del consumatore.

 
 

NEWSLETTER CRTCU – APRILE 2015

CONSUMERISMO I

CRTCU - Crescita dei servizi e dei risultati a favore dei consumatori trentini nel 2014.

Nel 2014 si sono registrati 4.902 richieste di informazione (di cui 1.951 dello Sportello mobile) e 2.649 richieste di consulenza (7.551 complessivamente). Il totale del valore dei casi trattati ammonta ad € 1.362.333,04 e l’ammontare complessivo delle somme recuperate per i consumatori trentini è di € 995.565,63. Un incremento di entrambi i valori rispetto all’anno 2013: + 13 % i casi trattati e + 18 % le somme recuperate.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
La relazione completa qui:
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dexth6cIxH.pdf


CONSUMERISMO II

CEC - Aumentano i reclami nel 2014: il 46% delle richieste di informazione riguarda il commercio elettronico

Sono stati in tutto 771 i contatti registrati nel 2014 dallo Sportello Europeo dei Consumatori, proseguendo l'attività di informazione e di consulenza in materia di viaggi vacanze, trasporti e commercio elettronico. Il 48% dei casi gestiti riguardano questioni transfrontaliere, in aumento quelle con destinazione extraeuropea. conclusi nel 2014, ben 5 procedimenti avviati presso l'AGCM su segnalazione del SEC a causa di violazioni di regole a tutela dei consumatori: Groupon Srl, Pronto Value LCC, Sicily by car, Going Srl e Bravofly SA con sanzioni che sommate tra loro arrivano quasi a 1.500.000 Euro. Nel corso del 2014 la cifra recuperata è stata di 155.000 Euro corrispondente al 97% del valore delle richieste.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextpDjnQX.pdf


COMMERCIO - VENDITE PORTA A PORTA

Tornano i venditori porta a porta di rilevatori di gas

Al CRTCU stanno arrivando nuovamente segnalazioni di cittadini trentini che chiedono informazioni sul recesso da contratti stipulati a casa per l’acquisto di rilevatori di perdite di gas. Ultimamente infatti, alcuni rappresentanti sono passati nelle case di Trento per proporre ed illustrare le caratteristiche degli apparecchi di rilevamento gas.
Il CRTCU ricorda che non vi è alcun obbligo d’acquisto. Non vi è nemmeno alcun obbligo di far entrare in casa i venditori di questi prodotti se non si è intenzionati all’acquisto: sono semplicemente dei privati rappresentanti di imprese commerciali.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextJQVlCw.pdf


SERVIZI PUBBLICI

Valsugana: AMNU Spa applica penali per ritardato pagamento senza certezza alcuna della responsabilità degli utenti!

La bolletta prevede il pagamento di una cifra di 52,44 € per il servizio di igiene urbana entro il 24 ottobre 2014. La fattura viene ricevuta dal consumatore con posta ordinaria il giorno 5 novembre 2014 e lo stesso giorno avviene il pagamento. E’ da molto tempo che gli utenti di Amnu Spa ci segnalano tale prassi adottata dalla società multi utility che gestisce il servizio di raccolta rifiuti nei comuni trentini della Valsugana che a detta del CRTCU pare configurare una prassi commerciale sleale e in ogni caso, trattandosi di società a partecipazione pubblica trattasi di ingiustizia nei confronti dei cittadini e va, se del caso, politicamente eliminata. Il problema è che le fatture vengono spedite con posta ordinaria, pertanto, non vi può essere certezza alcuna sull’effettiva tempestività del ricevimento della fattura e conseguente responsabilità degli utenti nel ritardo.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dext0UoDOZ.pdf


BANCHE&FINANZA I

Mutui con tassi floor: I mutuatari NON dovrebbero concordare con la banca alcuna variazione della clausola del tasso - Che siano le banche a ridurre eventualmente i tassi floor

Attenzione a sottoscrivere apparenti “convenienti” proposte di riduzione dei tassi: potrebbero precludere risarcimenti futuri!
E’ dal 2008 che i mutuatari trentini si chiedono se sia legittimo o anche solamente giusto avere nei propri contratti di mutuo il cosiddetto tasso floor (o soglia minima di tasso).Il tasso floor consiste in un meccanismo che viene inserito nei mutui a tasso variabile – indicizzato euribor, in conseguenza del quale il tasso non può mai scendere al di sotto di una determinata soglia di solito il 3%, ma può essere maggiore. In tal modo i mutuatari non beneficiano mai o scarsamente degli eventuali abbassamenti del costo del denaro sul mercato (è quello che è successo dal 2008 ad oggi), mentre le Banche si garantiscono sempre e comunque una remunerazione minima prefissata, il tasso floor appunto!
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextVXt7GR.pdf


BANCHE&FINANZA II

Trasferire il conto da una banca all'altra in 12 giorni. Più concorrenza fra le banche

Da qualche settimana è in vigore il decreto legge 24 gennaio 2015, n.3, che, tra le altre cose, ha recepito la direttiva sui conti correnti 2014/92/UE del 23 luglio 2014. La direttiva disciplina la cd. portabilità dei conti correnti fra banche e stabilisce un termine massimo di 12 giorni, entro il quale le banche interessate devono provvedere al trasferimento di un conto, dietro richiesta del cliente. Se la banca non adempie entro tale termine, scatta l'obbligo di risarcire il cliente “in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto al momento della richiesta di trasferimento” (così l'art.2, comma 2 del decreto legge). Sempre il decreto (comma 3) prevede inoltre che in caso di richiesta di trasferimento del conto di pagamento unitamente alla richiesta di trasferimento di strumenti finanziari, di ordini di pagamento e di ulteriori servizi e strumenti ad esso collegati, la portabilità si conclude senza ulteriori oneri e spese per il consumatore.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextulAtJx.pdf


TELECOMUNICAZIONI

Vodafone: condanna Antitrust per 650.000 € per servizi non richiesti e informazioni ingannevoli

Ancora una volta le segnalazioni dei consumatori hanno portato alla condanna di un’azienda in caso di pubblicità ingannevole o servizi preattivati.
Il procedimento concerne le condotte poste in essere dalla Vodafone nell’ambito della commercializzazione dei servizi di reperibilità “Chiamami” e “Recall” divenuti a pagamento dal 21 luglio 2014 e consistenti:a) nell’aver di ffuso informazioni non rispondenti al vero e/o omesso informazioni rilevanti in merito alla natura facoltativa ed alle caratteristiche dei servizi mediante l’invio ai propri clienti, tra il 6 e il 20 giugno 2014.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextvi2nkE.pdf


VACANZE DI PASQUA

Volo in ritardo o cancellato? Come ottenere il risarcimento dalla compagnia aerea

Le lunghe attese negli aeroporti, che siano dovute a ritardi o cancellazioni, in ogni caso,obbligano le compagnie aeree a fornire assistenza ai viaggiatori: pasti,pernottamenti, telefonate e informazioni sul nuovo orario effettivo di partenza devono essere forniti gratuitamente da parte del vettore aereo durante l'attesa del primo volo disponibile. Lo stesso, deve inoltre informare i viaggiatori anche della possibilità di ricevere l'indennizzo previsto dal Regolamento (CE) 261/2004. Il risarcimento è dovuto sia in caso di cancellazione che di ritardo prolungato oltre le tre ore calcolate sull'arrivo a destinazione, e varia da 250 Euro a 600 Euro a seconda della tratta, così come stabilito nel Regolamento e dallaCorte di Giustizia dell'UE nelle Sentenze n. C-402/07 e n. C-432/07.
PER MAGGIORI INFORMAZIONI
http://www.centroconsumatori.tn.it/download/141dextlSDAst.pdf


DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015

IL “5XMILLE” a sostegno del CTCU.

L’importo da destinare rappresenta una quota dell’imposta e non costituisce per il contribuente alcun costo aggiuntivo. Basta apporre la vostra firma nel campo apposti del CUD, del modello 730 o in quello dell'UNICO ed indicare in aggiunta il numero di codice fiscale del CTCU. La forza dei consumatori può essere in questo modo supportata da ognuno di noi. Importante: accanto alla Vostra firma sulla dichiarazione dei redditi, ricordatevi di indicare il nostro numero di codice fiscale, che è il seguente: Codice fiscale del CTCU: 94047520211


 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it