Loghi e suonerie

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Loghi e suonerie
 
www.centroconsumatori.tn.it/149d331.html
 

Navigazione secondaria

Trasporti & comunicazioni
 

Contenuto

Problemi a disattivare loghi e suonerie? Ecco come fare

Quanti di noi non si sono ritrovati servizi a pagamento di loghi e suonerie o altre tipologie di servizi (meteo, notizie, ecc…) sul proprio cellulare senza averne mai fatto richiesta?
Oppure attivati inavvertitamente in famiglia da figli adolescenti o addirittura bambini bombardati da pubblicità pomeridiane in televisione di loghi e suonerie? TANTI.
E molti di noi si sono visti prosciugare intere ricariche, oppure incapaci di disattivarli, hanno deciso di cambiare numero di telefono, gettando nei rifiuti la propria sim.

Purtroppo in Italia, al contrario di altri Paesi, dove questi servizi sono
vietati, il problema è dilagante. L’Antitrust ha iniziato ad indagare sul fenomeno, senza per altro arrivare ad una soluzione. Spesso la pubblicità propone servizi gratuiti, sia in televisione che su internet. In realtà la chiamata è a pagamento e dopo la chiamata di norma si aderisce ad un servizio in abbonamento che consente di usufruire delle suonerie in catalogo, inviate via sms. L’invio dei “prodotti” è settimanale se non addirittura giornaliero.. Si può arrivare a pagare fino a 5 Euro per ogni suoneria ricevuta.

Un’ altra modalità con la quale si può acconsentire a questi servizi è il web: connettendosi infatti ad alcuni siti che propongono appunto loghi, suonerie, sfondi e trucchi per playstation, musica mp3 e guide elettroniche, ci si imbatte nei “dialers” programmino che ti fa connettere a numeri nazionali o internazionali anche molto costosi.

Ma come disattivarli?

Premettendo che praticamente nulla di ciò che normalmente viene reclamizzato in televisione o sul web è veramente gratuito, e dunque preferiamo consigliare di non attivare servizi di questo tipo, se non proprio strettamente necessario, ecco come è meglio muoversi.
  • Cancellare gli sms dopo averli ricevuti è inutile, si continuerebbe comunque a pagare. Se ci sono le istruzioni di disattivazione provate a seguirle e attendete di norma 48 ore;
  • Se si conosce l’indirizzo del sito web relativo, collegarsi e leggere le istruzioni di disattivazione;
  • Provare a chiamare il servizio clienti del proprio operatore che dovrebbe disattivare tutti i servizi attivi. Questa possibilità però spesso non funziona e dunque, se nel giro di 48 ore il servizio non è disattivato, consigliamo ancora di provare il “faidate”;
  • Se non si conosce il sito web relativo al servizio attivato, provate ad andare su un motore di ricerca (google, yahoo, ecc) digitando il numero di telefono da cui proviene il servizio. In questo modo quasi sicuramente riuscirete ad entrare nel sito relativo al servizio e trovare le modalità di disattivazione. La più sicura, di norma è quella di telefonare al numero del call center e chiedere ad un operatore che disattivi il servizio all’istante. Ricordiamo che i numeri per la disattivazione o del servizio clienti a cui rivolgersi, sono spesso quasi invisibili, dunque cercate con attenzione, soprattutto in fondo alla home page, dove di norma appaiono le condizioni generali di contratto. Se anche questo non vi riesce, prima di buttare la scheda, mandate un fax o una raccomandata e poi, volendo sporgete denuncia alla Polizia Postale.



Foglio info TC05
Situazione al 09.02.2016



 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it