Prenotazioni alberghiere

  1. Vai alla navigazione
  2. Vai all navigazione secondaria
  3. Vai al contenuto
 
 
 
Prenotazioni alberghiere
 
www.centroconsumatori.tn.it/145d499.html
 

Navigazione secondaria

Viaggi & tempo libero
 

Contenuto

In albergo

Le prenotazioni alberghiere possono avvenire a mezzo telefono, lettera o fax, e mediante internet. La prenotazione telefonica è giuridicamente valida, ma consigliamo di farsi inviare una conferma scritta. Se prenoto da Internet fatelo solo da siti famosi e stampate ogni passaggio della prenotazione. Se pagate con carta di credito ricordate di verificare che il sistema di sicurezza garantisca la segretezza delle operazioni che state eseguendo. Per saperlo basta verificare che l’indirizzo del sito nel quale state per immettere i vostri dati personali cambi da http in https, mentre in basso a destra deve comparire un piccolo lucchetto. In caso contrario comprate altrove.

Se disdico la prenotazione, devo pagare lo stesso?

Non esistono regole univoche su cosa succede quando il cliente non si presenta in albergo oppure disdice la prenotazione qualche ora prima, né esistono regole univoche su cosa succede per quanto riguarda l’eventuale acconto o caparra versati all’albergatore. Esistono regole e prassi diverse da Paese a Paese e anche da Regione a Regione, e solitamente la regolamentazione è contenuta negli usi e consuetudini alberghiere del luogo, depositati presso la Camera di Commercio. Pertanto, prima di prenotare, si consiglia di chiedere le condizioni applicate dall’albergo in caso di disdetta. Di sicuro l’albergatore può pretendere una somma corrispondente al danno che ha subito per non aver potuto dare la camera ad altre persone, ma non può far pagare il prezzo dei servizi che non si sono usufruiti (per esempio il pranzo o la colazione o l’uso della piscina, ecc.).

Se l'albergo non ha le qualità promesse?

In caso di difformità rispetto alle foto o alle dichiarazioni fatte sull’albergo e la realtà, potete pretendere dall’albergatore che vi trovi una alternativa che corrisponda a quanto promesso oppure che vi rimborsi la differenza tra quanto dovreste pagare (o avete già pagato) per la stanza e quello che è il valore effettivo dei servizi che vi mette a disposizione. Se non trovate un accordo fate richiesta di risarcimento, con lettera raccomandata A/R, indicando tutti i difetti che avete riscontrato. Ricordate di documentare tutto.

Cosa succede in caso di furti?

Nel caso di furti in albergo, ricordate che secondo la normativa prevista nel nostro codice civile e applicata in quasi tutta Europa, l’albergatore deve risarcire l’intero valore dei beni oggetto di furto solo se i beni gli sono stati consegnati in custodia: si raccomanda di fornire all’albergatore, insieme agli oggetti, anche una loro descrizione il più precisa possibile. Per gli oggetti lasciati nella propria camera, anche se si utilizza l’eventuale cassaforte, l’albergatore risponde ugualmente in caso di furto, ma la sua responsabilità è limitata ad una somma che, in Italia, è pari a 100 volte il prezzo della camera. Pertanto sono assolutamente inutili e non hanno alcun valore giuridico le dichiarazioni del tipo: “la Direzione declina ogni responsabilità per il furto” oppure “la Direzione dell’hotel non risponde di eventuali furti di oggetti lasciati nelle camere”. In caso di furto, dovete non solo fare richiesta di risarcimento all’albergo ma anche sporgere formale denuncia alla polizia locale.

Foglio info VT05
Situazione al 24.05.2017
 
 

stamparespedireTop
Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e degli Utenti - via Petrarca, 32 - 38100 Trento
Tel. 0461-984751 | Fax 0461-265699 | Orario: Lun - Ven 10 - 12 e 15 - 17
www.centroconsumatori.tn.it | info@centroconsumatori.tn.it